Due per mille degli italiani: un mare di soldi ai partiti | La classifica

0
91

Pare proprio che gli italiani sostengano anche concretamente i partiti con cui si indentificano grazie al due per mille. Ma qual è quello più sovvenzionato dai suoi elettori? Scopriamo insieme la classifica. 

Ogni anno insieme alla dichiarazione dei redditi, un documento richiesto proprio dall’Agenzia delle Entrate tramite il quale si comunicano all’Ente i redditi percepiti e le spese sostenute per l’anno appena trascorso, si può decidere anche a chi destinare il proprio due per mille, ovvero una quota di tasse già versata che si può donare ad associazioni culturali o ancora a partiti politici.

Parlamento
Due per mille ai partiti (Poltiical24/ foto Instagram)

Si può anche scegliere di non donare questa somma che resta così nelle casse dell’Agenzia delle Entrate a supporto della spesa pubblica. Tuttavia, molti italiani hanno deciso di versare il due per mille proprio a un partito politico. Insomma, la militanza passa anche dalle sovvenzioni e dal sostegno economico. Così, come riportato dal Ministero dell’Economia, è emerso dalle ultime dichiarazioni dei redditi degli italiani per l’anno 2021 che oltre 20 milioni di euro siano stati destinati ai partiti politici.

Nello specifico, delle oltre 41 milioni di dichiarazioni arrivate all’Agenzia delle Entrate, solo 1,43 milioni di queste devolvevano il proprio 2 per mille dell’Irpef ai partiti. Ma qual è il partito politico più sovvenzionato dai suoi elettori?

La classifica dei partiti più sovvenzionati dal due per mille

È arrivato ora il momento di scoprire insieme la classifica dei partiti più sovvenzionati dal due per mille. In cima, troviamo una sorpresa: il partito, infatti, che ha ricevuto più donazioni è proprio il PD di Enrico Letta che ha ottenuto la maggior parte delle donazioni. Nello specifico, stiamo parlando del 33,2% rispetto al totale, per una somma di tutto rispetto di 7,3 milioni di euro.

Enrico Letta
Partito Democratico (Political24/ foto Instagram)

Subito dopo il Partito Democratico, troviamo Fratelli d’Italia: il 16,3% dei contribuenti ha donato il loro due per mille per un totale di 3,1 milioni di euro destinati al partito della Presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Il partito di Carlo Calenda, Azione, invece, si è guadagnato la terza posizione, malgrado sia stato solo il 3,4% dei contribuenti a devolvere il proprio due per mille per una somma finale di 1,2 milioni di euro. Eppure, questa posizione in classifica così alta si spiega in base alla proporzione della donazione rispetto al due per mille. In altra parole, i contribuenti che sostengono il Terzo polo sono i più ricchi, motivo per cui il due per mille devoluto in proporzione è più alto.

A seguire troviamo sia la Lega di Matteo Salvini che la “Lega Nord per l’indipendenza della Padania”, a cui il 9,2% dei contribuenti ha devoluto la propria imposta per un totale complessivo di entrambe le forze politiche di 1,6 milioni di euro. Anche in questo caso, vige la regola del proporzionale. Il 2,36% dei contribuenti, invece, ha preferito Forza Italia che ha preso meno di 1 milione di euro. Infine, troviamo i Verdi che, malgrado la percentuale più alta dei contribuenti, ben il 5,3%, sempre per la regola del proporzionale, ha ottenuto “solo” 873 mila euro.

Articolo di Karola Sicali