Festa a luci rosse in cattedrale | Partite le indagini del Vaticano

0
76

ll mondo del clero è sotto shock per quello che è accaduto di recente. Il fatto ha sconvolto non solo il Vaticano, che ha già avviato le indagini, ma l’Europa intera. 

I fatti risalgono al periodo del primo lockdown quando, in Gran Bretagna, un prete si è reso protagonista di qualcosa di incredibile. Ma che cosa è successo?

Feste a luci rosse
Feste a luci rosse in chiesa (political24.it)

Di recente la Chiesa e il clero tutto hanno subito uno scossone abbastanza forte. A partire dalla morte di Benedetto XVI, che ha riaperto alcuni vecchi misteri e domande irrisolte, fino alla riesumazione del caso di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa anni fa in circostanze misteriose, il clero è finito nell’occhio del ciclone. Questa volta però l’attenzione è rivolta non al mondo della Chiesa italiano ma a quello inglese. In Gran Bretagna, infatti, c’è stato un prete sul cui capo pendeva un’accusa a dir poco sconvolgente. Dopo la scoperta del caso, l’uomo si è suicidato, gettando ancora più scalpore sulla vicenda. Papa Francesco ha deciso di intervenire dando il via a delle indagini sul caso.

L’accusa terribile

Il tutto è avvenuto in Gran Bretagna e, per la precisione, a Newcastle. Qui un sacerdote di nome Michael McCoy, è stato accusato di aver organizzato alcune feste a luci rosse nel periodo del primo lockdown. I fatti risalgono a circa due anni fa, quando tutta l’Europa viveva nelle rigide restrizioni per limitare la circolazione del Covid 19. Nonostante le limitazioni ai movimenti e ai contatti, il sacerdote inglese ha organizzato alcuni party privati con i fedeli, a sfondo sessuale. Le orge sono state poi scoperte qualche tempo dopo e la pesante accusa pendente su McCoy ha portato il prete a decidere di togliersi la vita, in seguito anche ad alcune accuse di presunti abusi su minori.

I festini a luci rosse hanno portato anche alle dimissioni di un altro membro del clero britannico. Si tratta di Robert Byrne, il vescovo di Newcastle e Hexham. L’uomo è stato ritenuto responsabile di aver nominato il prete McCoy nel lontano 2019, sostituendolo ad un altro. Secondo quanto riporta Fanpage, le fonti britanniche non ritengono Byrne direttamente colpevole o coinvolto nelle orge di Newcastle, ma il vescovo si è ugualmente dimesso a causa del peso sia morale che spirituale della vicenda.

Papa
Il Papa avvia le indagini (political24.it)

Papa Francesco dall’Italia è intervenuto, per cercare di fare chiarezza sulla vicenda. Il Vaticano nell’ultimo periodo ha vissuto alcuni intensi momenti dopo la scomparsa di Benedetto XVI. La morte del Papa, che qualche anno fa aveva dato le dimissioni vivendo sempre all’ombra del nuovo Pontefice, ha lasciato un grande vuoto nel mondo della Chiesa e tra i fedeli di tutto il mondo. La scomparsa del Papa, inoltre, ha riaperto l’attenzione su alcuni misteriosi fatti di cronaca che non hanno mai trovato una soluzione.

Articolo di Eleonora Di Vincenzo