Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Lamezia, Ruberto (FI): "Mettere a bando gli oltre 80 appartamenti del Turismo sociale a Ginepri"

L'ex consigliere comunale di Lamezia Terme Francesco Ruberto (Forza Italia) si rivolge ai commissari per chiedere  quali azioni intendono intraprendere per mettere a bando gli oltre 80 appartamenti del Turismo sociale a Ginepri.
"Più volte - afferma Ruberto - nelle qualità di Consigliere Comunale ho sollecitato gli uffici per l’emanazione di un bando relativo alla gestione dei circa 80 appartamenti finanziati col progetto 'Turismo Sociale'. Occorre ricordare che nel marzo 2013 venne dato via libera da parte dell’ufficio tecnico comunale, ai lavori di ristrutturazione ed efficientamento energetico degli alloggi di proprietà comunale nell’ambito del Progetto PON Sicurezza per lo sviluppo promosso dal Ministero dell’Interno nell’anno 2010 meglio proposto appunto come Turismo sociale a Ginepri di Lamezia Terme. La cifra elargita dal Ministero nell’ambito dell’obiettivo 2.5 nell’ottobre del 2010 fu di 1.570.000 euro. L’intervento prevedeva, così come da stipula del contratto ministeriale “la ristrutturazione e la successiva riutilizzazione come struttura per il turismo sociale, di un complesso residenziale “I Ginepri”, confiscato alla criminalità organizzata. Il progetto prevedeva che gli immobili una volta riqualificati, sarebbero stati destinati a centro turistico-sociale estivo – con il mantenimento di unità abitative e la realizzazione di spazi comuni – per famiglie disagiate e minori a rischio di devianza, anziani, disabili ed altre categorie svantaggiate, con la realizzazione in particolare di soggiorni marini, con residenzialità di breve periodo (7-10 giorni), e la collaborazione con soggetti del terzo settore. All’interno del residence era prevista la creazione di una foresteria con stanze singole, doppie, triple e quadruple, sala colazione, reception con una ricettività complessiva di 138 ospiti adulti giornalieri. I lavori, per come anche dichiarato in un ultimo articolo datato ottobre 2017, sono stati ultimati da tempo. Ma il silenzio la fa da padrone, lasciando all’abbandono totale un immobile che potrebbe creare numerosi posti di lavoro nonché attrattiva turistica".
"Spero - conclude Ruberto - che la terna commissariale si attivi subito con gli uffici preposti, consegnando alla città un’opera altamente strategica.