Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Lamezia, fatture non pagate alle cooperative sociali, Ruberto chiede intervento ai commissari

"Sta diventando alquanto insostenibile la situazione venutasi a creare per i mancati pagamenti del Comune, nei confronti delle cooperative sociali che gestiscono diversi servizi in città. Gli operatori si ritrovano senza stipendi da mesi non riuscendo più ad ovviare alle spese più essenziali. Quali azioni dovrebbero portare avanti per ricevere un po’ di ascolto? Bisogna sospendere i servizi, creando difficoltà e scompiglio? Soltanto la serietà che li contraddistingue ha evitato che ciò accadesse, perché poi a pagarne le conseguenze sarebbero i più deboli, gli invisibili che fin troppi spesso si dimenticano. Ma proviamo ad immaginare, cosa debba significare per un lavoratore onesto, che continua a prestare la propria opera con passione e dedizione, aspettare da mesi, uno stipendio.  Fermiamoci a riflettere e potremmo solo immaginare la rabbia dei dipendenti delle cooperative che svolgono lavori preziosi per la comunità quali: assistere studenti in difficoltà a scuola, aiutare gli anziani non autosufficienti nelle proprie case perché non debbano finire nelle case di riposo, accogliere i bambini con situazione familiari complicate." Ruberto si rivolge alla terna commissariale chiedendo un impegno immediato per lo sblocco dei pagamenti.
Si rivolge anche alle rappresentanze sindacali affinché prendano posizione poiché le famiglie coinvolte non sanno più a che Santo votarsi non riuscendo a garantire il minimo sostentamento ai propri figli. Dichiara infine: “Saró sempre al fianco delle nostre cooperative che negli anni hanno improntato la propria azione di socialità e serietà. Delle bellissime realtà che si sono distinte negli anni per la cura di anziani, disabili e minori anche in condizioni difficili.
Continueró a monitorare la situazione che, giorno dopo giorno, diventa sempre più insostenibile per centinaia di lavoratori.”