Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Reggio Calabria: amianto e bonifica dei siti, consiglieri regionali manifestano preoccupazione

“Esprimiamo apprensione per l’incolumità e la salvaguardia della salute dei cittadini nonché per la tutela e il risanamento ambientale dopo le denunce sindacali riportate dagli organi di stampa in merito alla presenza di 34 tonnellate di amianto nelle strutture che ospitano l’impianto di manutenzione-convogli di proprietà di Trenitalia nell’area di Calamizzi a Reggio Calabria”. E’ quanto affermano in una nota congiunta i consiglieri regionali Domenico Battaglia, Giuseppe Neri, Sebi Romeo, Giovanni Nucera e Francesco D’Agostino. 
“L’impiego dell’amianto - aggiungono- è stato bandito dal lontano 1992 attraverso una legge dello Stato che prevedeva, tra l’altro, la rimozione del materiale con successiva bonifica dei luoghi, in ragione della sua pericolosità insita nella possibilità di rilasciare fibre potenzialmente inalabili dall’uomo. La Regione Calabria a tal proposito, con legge n. 14/2011 aveva deliberato una serie di interventi urgenti per la salvaguardia della salute dei cittadini attraverso norme relative all’eliminazione dei rischi derivanti dall’esposizione a siti e manufatti contenenti amianto, adottando successivamente il Piano regionale Amianto per la Calabria (P.R.A.C). La stessa legge - proseguono i consiglieri regionali Domenico Battaglia, Giuseppe Neri, Sebi Romeo, Giovanni Nucera e Francesco D’Agostino - stabiliva l’obbligo di comunicazione da parte dei soggetti pubblici e privati (proprietari di edifici, manufatti, impianti e luoghi) nei quali vi fosse la presenza di amianto, prevedendo in capo ai Comuni la prescrizione del relativo censimento. Rispetto a questi adempimenti, molti Comuni risultano in forte ritardo, con l’aggravante che, ad oggi, non disponiamo di una mappatura certa e definita dei siti interessati dalla presenza di tale materiale e di conseguenza, non possono essere svolte le azioni previste di monitoraggio, vigilanza e controllo da parte dell’Arpacal, delle Asp e degli agenti di polizia locale”. Per tali ragioni, i consiglieri regionali chiedono all’Assessorato e al Dipartimento all’Ambiente della Regione Calabria “di monitorare e sollecitare i Comuni inadempienti ad attuare entro breve tempo quanto previsto dalla normativa regionale in materia, assicurando la rimozione totale dell’amianto e la bonifica, condizioni inderogabili per la salvaguardia della salute pubblica e per la tutela dell’ambiente”.