Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Meloni: "Mi interessa arrivare prima di Renzi e Di Maio, non prima di Berlusconi e Salvini"

"Come Fratelli d'Italia non abbiamo partecipato molto a questo gioco del 'mi distinguo dai miei alleati'. Abbiamo partecipato al gioco del 'mi distinguo dai miei avversari' perchè a me non interessa arrivare prima di Berlusconi o Salvini. Mi interessa arrivare prima di Renzi e di Di Maio". Lo ha detto Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, nel corso di una conferenza stampa a Lamezia Terme. "E' stata una campagna elettorale orrenda, figlia - ha osservato Meloni - di una legge elettorale pessima. E questa legge elettorale che è una legge proporzionale fintamente maggioritaria porta ogni partito a segnare la propria diversità anche dalla coalizione. Ciò non toglie che oggi finalmente riusciamo a fare una manifestazione unitaria proprio per dare un segnale che siamo pronti a governare insieme e che, ricordo, abbiamo depositato tutti lo stesso programma".
"Una campagna elettorale - ha aggiunto Meloni - in cui si è parlato pochissimo dei problemi degli italiani. Io e Fratelli d'Italia, che avevamo un programma di 15 punti nella versione più riassunta, non siamo mai riusciti a parlare di questo programma. Abbiamo dovuto parlare di fascismo e di antifascismo, di storia di guerre puniche, delle guerre di indipendenza, di cose che non interessano gli italiani. Perché? Perché la sinistra era in difficoltà a parlare di politica. Perché non potevano spiegare che al governo della nazione ci hanno messo un pomeriggio a trovare 20 miliardi di euro per una banca, mentre in otto mesi non ha consegnato una casetta ai terremotati. Che anziché aiutare il sud dell'Italia hanno aiutato il sud del mondo. Che invece di aiutare le piccole e medie imprese hanno aiutato le multinazionali. Certo, non potendo dire tutto questo, hanno dovuto parlare del fascismo e delle guerre puniche". "E' bene - ha puntualizzato Giorgia Meloni - che gli italiani sappiano che il 4 marzo o vince il centrodestra o sarà il caos. Non c'è la possibilità che una delle altre forze in campo raggiunga una maggioranza uscita dalle urne. Quindi, o vittoria del centrodestra o governi di inciucio o ritorno al voto. Questi sono gli unici scenari possibili. Spero che gli italiani in queste ultime ore ci regalino quel punto che ci manca per avere la maggioranza".